Ieri sera Sergio Marchionne, Amministratore Delegato del Gruppo Fiat, è stato ospite di Fabio Fazio a “Che Tempo Che Fa”, nel corso della quale ha dichiarato: “Nemmeno un euro dei 2 miliardi dell’utile operativo previsto per il 2010 arriva dall’Italia. La Fiat non può continuare a gestire in perdita le proprie fabbriche per sempre”, sputando di fatto nel piatto dove da anni mangia.

Al di là della verità di tale dichiarazione, sacrosanta per l’amor del cielo, capita che in un paese una azienda arrivi a non prendere profitti, ma forse tale manager dovrebbe ricordarsi di tutti gli aiuti ricevuti dal governo, di tutti i finanziamenti statali, delle varie casse integrazioni passate (e di quelle che stanno arrivando), così magari se la sua idea è quella di andare via dall’Italia, prima di farlo potrebbe anche pensare di restituire i soldi agli italiani.

Sergio Marchionne - A.D. FIAT

Sergio Marchionne - A.D. FIAT

Sarà anche vero che “l’Italia è al 118/mo posto su 139 per efficienza del lavoro e al 48/mo posto per la competitività del sistema industriale“, ma essendo la FIAT il più grande gruppo industriale italiano, forse una buona cattiva parte la fa soprattutto lei.

Written by Jack

1 Comment

Rispondi