Tremila persone sono rimaste fuori dal Mandela Forum a guardare la serata dagli schermi, circa diecimila all’interno, e questo è accaduto per la seconda volta. Firenze ha ospitato gente da tutta italia per l’incontro nazionale di Emergency, che si è tenuto dallo scorso 7 settembre e si concluderà oggi, 12 settembre, con gli incontri presso l’Auditorium del Palazzo degli Affari di piazza Adua, punto facilmente raggiungibile, poichè si ritrova proprio fuori dalla stazione.

Oltre alla presenza dell’immancabile Gino Strada, accompagnato dalla figlia Cecilia, ora presidente di Emergency, anche la presenza spirituale di Teresa Strada, ad un anno dalla sua morte, che ancora oggi viene ricordata da tutti con immenso affetto. E poi innumerevoli progetti di cui parlare, momenti goliardici alternati a momenti di serietà ed una voragine di emozioni già a partire dalla prima sera, anche se i programmi, proprio nello stile di Emergency, non sono andati tutti per il verso giusto.

Tra il colpo della strega di Stefano Bollani, recuperato poi ieri sera, l’assenza di Andrea Camilleri, un pò troppo in là con l’età per affrontare il lungo viaggio e la polmonite “da auto blindata” di Roberto Saviano, le giornate di Emergency sono giunte a conclusione nel migliore dei modi. Tantissimi gli ospiti intervenuti, da Vauro Senesi, David Riondino, Marco Paolini, Lorenzo Monguzzi, Bebo Storti, Renato Sarti.

La prima serata del Mandela Forum, venerdì sera, ha visto condurre Fabio Fazio, con la presenza di Gino Strada, Vauro e lo scrittore Antonio Tabucchi. Ovviamente la discussione si è concentrata sul documento di Emergency e sulle “ovvietà e banalità” che ci vengono negate, quali i diritti elementari nonchè fondamentali di ogni uomo. La serata si è conclusa con il concerto di Samuele Bersani e il numero delle persone è sicuramente aumentato questa sera, con una fila fuori dal palazzetto già lì dalle quattro del pomeriggio.

Una serata importante, condotta da Serena Dandini, già scelta lo scorso anno, che ha visto salire sul palco la cantante Fiorella Mannoia, in forma come sempre: si è esibita con “Ho imparato a sognare“, una versione leggermente modificata di “Clandestino” ed “Il cielo di Irlanda“. Poi c’è stata una grandiosa e commovente Lella Costa, ed un’isterica ed in menopausa Anna MeacciNeri Marcorè, che per l’occasione è diventato Gasparri, Di Pietro e Casini (“La politica è una cosa sporca, facciamola insieme!”), che come sempre si conferma un grandissimo imitatore. Per ribattere non poteva mancare Antonio Albanese ed il suo amatissimo Cetto LaQualunque, parodia di una raccolta di particolarissimi sindaci del nostro disgraziato meridione.

La più attesa della serata ovviamente era Patty Smith, che ha preso parte anche all’evento dello scorso anno e che ormai prende parte attivamente all’organizzazione. Inoltre Patty Smith ha portato con se il gruppo La casa del vento, ascoltato e scoperto proprio durante il raduno nazionale dell’anno scorso, sempre a Firenze, sempre al Mandela Forum. La cantante di Chicago si è innamorata della musica del gruppo, tant’è che ha deciso di suonare con loro ed insieme hanno tenuto un piccolo concerto che ha mandato in delirio le persone con la conosciutissima “Because the night”. Non sono mancati gli sputi a terra di rito, Patty Smith, classe 1946 (per non rivelare palesemente l’età, visto che in teoria trattasi di donna!) mostra una carica davvero invidiabile ed ha chiuso il suo piccolo concerto con “Gloria”, dopo aver lasciato spazio anche a La casa del vento con “Ogni splendido giorno” e la famosa “Carne da cannone“,  per poi tornare sul palco per cantare l’immancabile ed indimenticabile “People have the power“.

Ed è proprio questa la frase chiave di tutta questa settimana e dell’intero operato di Emergency, che da sedici anni porta assistenza nelle zone più disagiate del mondo, curando chiunque abbia bisogno di aiuto senza discriminazione alcuna. Cassettine trasparenti- proprio come l’organizzazione, ci tiene a dire la Dandini-  sono state sempre in giro tra la gente a raccogliere le offerte che, speriamo, riusciranno a salvare la vita di molte altre persone. Non sono mancati due dei tre operatori sequestrati lo scorso aprile in Afghanistan, i momenti emozionanti sono stati davvero molti, tanto che non possono essere racchiusi in un solo post. Ma è vero, ed è importante ricordarlo sempre, sono le persone ad avere il potere, è l’unione a fare la forza, frasi fatte che hanno perso di senso nel corso del tempo solo perché abbiamo lasciato fare, invece adesso è arrivato il momento di agire.

Proprio come dice Gino Strada, le utopie non esistono. Non devono esistere, aggiungerei. Un mondo migliore è quello che vogliamo ed un mondo migliore è quello che dobbiamo cercare di ottenere. Una strada lunga e tortuosa, ma crederci è già il primo passo verso il successo. Io sto con Emergency, e tu?

Written by sally

Rispondi