Voi pensavate che i Maya fossero un branco di fessi intenti a costruire piramidi e a scarabocchiare sulle rocce, ma la realtà è ben più dura: ci hanno azzeccato in pieno.

Cerchiamo di distoglierci da questo macabro pensiero ma il 2012 è vicino e con lui la fine del mondo. Dagli indizi che la Terra ci manda, dai vari “mayday“, e chiamate alla Torre di Controllo che persiste nella sua indifferenza, si deduce che ogni cosa è a favore della fine totale e non di quella metaforica.

Prima di tutto, un vulcano in Islanda  è riuscito a paralizzare il mondo intero. E ne ha risentito, com’è giusto che sia, l’economia mondiale. Forse di poco, ma era già risentita di suo. Difatti in Grecia sta partendo un nuovo ’29 e le nazioni europee giocano, come al solito, ad una specie di Risiko in versione più diplomatica: la Germania non vuole piazzare i suoi carri armati in quello Stato.

In Italia c’è crisi in politica, confusione e paura. Mentre le statistiche ci dicono che l’informazione italiana è libera come un orso polare a Central Park, i politici si dimettono, mettono in discussione e continuano le loro farse. Fini litiga con Berlusconi, si dimette Italo Bocchino e Claudio Scajola lo segue a ruota.

A Studio Aperto l’atmosfera è tuttavia ancora sul goliardico sostenuto: imperterriti da giorni continuano a riproporre la nostrana leggenda di Lockness, trapiantata nel casertano. Nel lago di Falciano è stato avvistato un coccodrillo e da una settimana i giornalisti (abilissimi, non c’è che dire) di Studio Aperto ci ricamano su notizie che riescono a sopraffare l’emergenza ambientale che sta distruggendo le coste degli USA.

E per distogliere l’attenzione dal petrolio che praticamente sta mandando varie specie dritte verso l’estinzione, si parla di Obama che fa le corna alla moglie. Michelle Obama è cornuta, per la gioia di tutte quelle che le invidiavano un marito così perfetto (e la giudicavano elegante, con tanto di  stupore del TG5). Dall’Italia quelli del PDL staranno pensando che gli americani non sono poi tanto diversi dagli italiani, soprattutto i Presidenti, mentre il PD riesce a trovare un pò di respiro tra una dimissione e l’altra, illudendosi di poter accrescere il proprio potere sulle debolezze altrui.

Di tanto in tanto esplode qualche bomba a Kabul e non si sconvolge nessuno, mentre a New York è allarme terrorismo, si vede che non si sono ancora abituati. Qua e là la gente si ammazza, i bambini volano dalle finestre degli ospedali perchè le mamme applicano la loro legge ad personam: io ti ho fatto, io ti distruggo. Il Pianeta non può che ripeterci, a suo modo, lo stesso concetto.

E procediamo, a piccoli passi, a volte strisciando miseramente, verso la Grande Fine.

Written by sally

Rispondi