Uno degli elementi che ha contribuito a quello che consideriamo l’incivilimento della società, e quindi il suo divenire via via più complessa, è senza alcun dubbio l’informazione.
Il contributo di questa particolare attività svolta da una fetta di popolazione, bene o male in ogni parte del mondo, è assolutamente rilevante nella vita di ciascun individuo. Grazie all’informazione si apprende, si conosce la realtà che ci circonda e tutto quel che sapete anche voialtri che di informazione vi nutrite ventiquattr’ore su ventiquattro, tra un telegiornale, una chiacchierata o un quotidiano preso in metropolitana.
Quel che subentra, in ogni sfera dell’esistenza, è il potere. Molti filosofi si sono interrogati sulla natura del potere, ma non è quello che faremo in questa sede.
L’interrogativo che sorge, invece, è quanto possa influire il potere nell’ambito dell’informazione.
Prendendo come caso specifico il nostro Paese, dunque l’Italia, possiamo rilevare alcuni elementi che saranno utili a formulare la nostra risposta.
L’Italia è un paese democratico, indi è previsto che in un paese democratico l’informazione sia un diritto di tutti i cittadini che vivono in quel territorio. In un paese non-democratico, è risaputo, limitare l’informazione è tra i bisogni primari di un governo. In una situazione opposta, si da per scontato che tutti i cittadini saranno messi sempre al corrente nella maniera più democratica, egualitaria, limpida e reale possibile.
L’Italia è una nazione presente tra i Paesi del G8 etc., che vanta un articolo costituzionale, il terzo per la precisione, che recita:

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Non serve l’intervento di un giurista per capire il concetto, espresso chiaramente nell’articolo. Per cui, un nuovo interrogativo che emerge è: perchè la Repubblica non interviene per rimuovere gli ostacoli di ordine sociale che si sono costituiti negli ultimi tempi?
Non siamo tutti nella stessa condizione, poichè ci sono persone a conoscenza di determinati avvenimenti e altre, che non sono considerate alla stregua delle prime, che vengono imbambolate in vari modi e ricevono informazioni manipolate.
La libertà di informare e di essere informati è stata di fatto limitata, ma basterà  accostare la parolina “Governo” all’idea di potere, e pensare a quanto quel potere faccia in ogni ambito della vita del Paese, nella fattispecie per quel che riguarda i mass media.
Fatti tutti i conti, la risposta sarà che il potere e l’informazione vanno di pari passo, per cui all’interno di un paese democratico, una volta che il potere è detenuto da qualcuno o da più persone che intendano limitare l’accesso ad informazioni che potrebbero rivelarsi scomode, i cittadini vedranno decadere uno dopo l’altro i diritti che la Costituzione dovrebbe garantire.
L’errore principale è quello di dare per scontato che il nostro sia un paese democratico e che rimanga tale, e quindi non prendere in considerazione l’idea di una mobilitazione che si scontri con “forze superiori” per reclamare i diritti sacri e inviolabili che determinano tale democraticità. Quello italiano è un popolo che ama la comodità e preferisce rimanere adagiato sui rimasugli di una pseudo-democrazia, piuttosto che muovere un dito in maniera efficace ed efficiente per non finire sottomesso.
Sebbene ancora il passo verso la non-democrazia non sia propriamente breve, è triste non scorgere alcuna reazione, ma solamente una minima punta di indignazione che si limita a rimanere pura retorica.
Di conseguenza, quando dalla tv inzieranno a sparire i programmi scomodi e gli ultimi che siano da considerare decenti e ci abbufferemo di vere e proprie “porcate” (passatemi il termine) cartacee e non, il popolo italiano avrà quello che si merita. Informazioni filtrate, realtà modificate e abbellite, storie “vere” inventate di sana piana da persone che hanno venduto la loro dignità morale. Perchè è così che sono e perchè a noi ci piace così.

Written by sally

Rispondi