19 Luglio, uno di quei giorni in cui l’Italia si ricorda che la mafia esiste, uno di quei giorni in cui ci si ricorda di eroi fatti di carne, ossa e sangue, soprattutto sangue.
Oggi è il giorno in cui ogni anno ci si ricorda di Paolo Borsellino, in cui si vuole credere in un’Italia migliore e tentare di alzare la voce, nonostante il fatto possa non essere considerato dal maggior telegiornale nazionale che 17 anni fa tra la strage di Capaci e la strage di via d’Amelio qualcuno con molto potere decise di tenere in pugno l’Italia.

Passano inosservate molte notizie in Italia, per molti il fatto che Bernardo Provenzano tentò di contattare nei primi anni novanta il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non è mai esistito, così come il più volte citato Marcello Dell’Utri, però oggi anche Totò Riina dice la sua, si dichiara estraneo all’uccisione di Paolo Borsellino, però nel suo caso lascia intendere il contrario, non è lui che ha tentato di contattare figure si stato, bensì accadde il contrario. Il legame tra Paolo Borsellino (ma anche con Giovanni Falcone), lo stato, la mafia (Cosa Nostra) e le stragi  sarebbe Vito Ciancimino, ex sindaco di Palermo e noto membro di Cosa Nostra, ad affermarlo è proprio il figlio di quest’ultimo, Massimo Ciancimino.
L’ex sindaco di Palermo è addirittura accusato da Riina che l’accordo per la morte di Borsellino sia passato sopra la sua testa e sia stato tra Vito Ciancimino ed i Carabinieri.

Poi arrivano certe notizie che ti fanno incazzare ed altri come me si pongono domande, si riapriranno le indagini perché c’è bisogno di sapere, ma abbiate fede, come sempre ci sarà una motivazione, un capro espiatorio ed una giusta visione ed interpretazione dei fatti. Se in Italia si può dichiarare il contrario di ciò che è la realtà e si ha sempre un modo per sistemare le cose, volete forse che non ci sia una spiegazione a quel 19 Luglio 1992?

Se dovessi chiedermi chi sarà il prossimo, nell’era del Web 2.0,  sarei indeciso nello scegliere tra Marco Travaglio e Alessandro Gilioli.

Ora fanno una strage, dategli tempo.

Written by Jack

Rispondi