Featured Image

Le stanze di Firenze

Narra la leggenda che Ian Curtis decise di togliersi la vita dopo aver tentato invano di trovare una camera a un decente rapporto qualità/prezzo in quel di Firenze.

Featured Image

Firenze e i sagrati delle chiese

Il Sindaco Dario Nardella vuole restituire dignità alla bella Firenze e ha deciso che ogni giorno, all’ora di pranzo, i sagrati delle chiese verranno bagnati per non far sedere i turisti ed evitare che mangino lì, in attesa di avere idee migliori.

Featured Image

L’appoggiatore seriale

Oggi parliamo di una categoria leggendaria, poco mitologica ma molto metropolitana, quella degli appoggiatori (e all’occorrenza palpatori) seriali, che vivono prevalentemente sugli autobus.

Featured Image

Pensavo fosse Gabriel Garcìa Màrquez e invece…

Il mondo è un posto parecchio strano. Da quando esiste internet e soprattutto da quando esistono i social lo è ancora di più. Viviamo nel costante bisogno di accettazione da parte degli altri, a volte al punto tale da sopprimere ciò che ci piace, se non piace agli altri.

Featured Image

Quando la vita reale è quella dei social network

Un giorno ho deciso di cancellare il mio account Facebook per 24 ore e ho scoperto un tentativo di impianto di sensi di colpa e di essere più sola di quanto pensassi, ma questa storia ve l’ho già raccontata.

Featured Image

Pannolini transgender

Gli estremismi sono sempre il male, tipo i vegani che ti costringono a essere vegano e abitano in case in cui sono solo tra di loro, gli islamici che ti vogliono islamico, i fiorentini e le femministe afflitte da amenorrea che ti vogliono fare odiare il mondo intero per qualunque cosa.

Featured Image

Addio a Facebook per 24 ore

Dopo aver parlato delle categorie di genti di Facebook e dei social network che ci rubano l’anima e di molte altre cose, ho lasciato Facebook per 24 ore, per capire cosa sarebbe successo prima, dopo e durante l’abbandono.

Featured Image

Le categorie di genti di Facebook

I social, la disgrazia del nuovo millennio: non possiamo più farne a meno e non ci ricordiamo più cosa voglia dire vivere senza, ma ho come l’impressione che tutti abbiamo l’impressione che si possa stare meglio di così.