Per molti a Firenze non c’è mai niente da fare ma dipende da quello che si sta cercando. Che poi, anche seguendo quel criterio, Firenze riesce a coprire tutte le fasce, che siano di prezzo, d’età o di interesse. La moda del momento è riuscire a provare che non è affatto vero che a Firenze non c’è mai niente da fare e io una piccola prova ve la posso concedere: perché non andate a vedere la mostra di Liu Youju presso la Sala Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno (Via Ricasoli n.68)?

Liu Youju, tra carta di riso e impressionismo

L’artista cinese ha inaugurato proprio ieri la sua mostra “Demolition vs Construction“, curata da Enrico Sartoni e realizzata con il Patrocinio del Comune di Firenze e del Consiglio Regionale della Toscana. Da Guangzhou, nel sud della Cina, Liu Youju ha girato tutto il mondo grazie alla sua arte, attraverso la quale cerca di trasmettere le sue emozioni più forti. I suoi quadri, dipinti su carta di riso, sono contaminati dall’impressionismo ma anche dall’espressionismo astratto di Jackson Pollock.

Due anni fa l’artista cinese ha presentato le sue opere in California, alla Richard Nixon Presidential Library and Museum, ma ha esposto anche a Parigi ed ha avuto la sua mostra personale presso il British Museum di Londra. L’arte orientale, in questo caso, non sembra essere così distante rispetto a quella occidentale, principalmente per via del background di Youju. Ci troviamo di fronte a due stili agli antipodi – la calligrafia cinese tradizionale e l’espressionismo astratto – che si plasmano divenendo una sola cosa, completamente nuova. Le distanze si accorciano ulteriormente anche perché quando il linguaggio è intriso di sentimento, diviene universale.

Quando e dove

La mostra è è visitabile fino al 30 giugno dal martedì al sabato: ore 10.00 – 13.00 / 17.00 – 19.00. La domenica: ore 10.00 – 13.00. Lunedì chiuso.

Ah, non avete scuse, è a ingresso libero!

Opera

Written by sally

Rispondi