Aggiornamenti dalla fine del mondo: ora mi imbavaglio, dammi tempo

La giustizia penale italiana è in piena agonia, Berlusconi continua con le leggi ad personam e tira fuori dal cilindro la legge bavaglio. Basta con le intercettazioni. D’ora in poi ci affideremo agli intuitivi, ai medium o alle persone dall’udito supersonico per scoprire le magagne dei nostri politici. Ridiamoci su.

Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica che ricorda un Re di tempi non molto lontani, ha firmato per la manovra finanziaria. Gli italiani dovranno essere disposti a compiere qualche sacrificio per non finire in disgrazia “come la Grecia“, che ormai sembra essere diventato un modo di dire. Ma Silvio Berlusconi e il suo seguito di illustri, di che nazionalità sono? Quali sono precisamente gli italiani che devono sacrificarsi?

I preti dicono che i preti pedofili saranno giustiziati come si deve all’inferno. Aspettando la giustizia divina, intanto qualche sfizio se lo tolgono.

In edicola sono in vendita i discorsi del Duce. E non servono ulteriori commenti.

Il prossimo 7 giugno c’è da festeggiare un compleanno importante negli USA: 104 mesi di guerra in Afghanistan. In durata si è superato il conflitto in Vietnam, mille i corpi dei soldati ritornati a casa avvolti nella bandiera. Spegnamo mille candeline e continuiamo così.

Israele ha già capito come andrà a finire, attaccando la Freedom Flottilla, il convoglio che portava aiuti umanitari nella striscia di Gaza, uno dei tanti inferni del Medio Oriente. Tensione ad alti livelli, Hamas vuole l’Intifada, Ahmadinejad ha già l’acquolina in bocca e un gruppo di un centinaio di persone grida “morte ad Israele” davanti agli uffici dell’Onu.

Ma tornando alle liete notizie del Bel Paese, i nostri in geni in parlamento propongono di far iniziare l’anno scolastico ad ottobre. Marea di proteste. La giustificazione: aiuta il turismo. Peccato che non tutta la popolazione italiana viva di turismo, peccato che i genitori debbano andare al lavoro prima di ottobre, peccato che la cultura nel nostro Paese sia ormai diventata solo un miraggio, peccato che già i giorni scolastici a disposizione non fossero sufficienti per evitare che in giro ci fossero le cosiddette capre, peccato per la geografia, peccato che i tagli alla cultura sono tra i primi previsti se dobbiamo salvarci da quel mostro che è la crisi. E concludo, peccato perchè devo essere d’accordo con la Lega.

Imbavagliamoci tutti e poi, Intifada!