Cent'anni di solitudine

Pensavo fosse Gabriel Garcìa Màrquez e invece…

Il mondo è un posto parecchio strano. Da quando esiste internet e soprattutto da quando esistono i social lo è ancora di più. Viviamo nel costante bisogno di accettazione da parte degli altri, a volte al punto tale da sopprimere ciò che ci piace, se non piace agli altri.

Nanni Moretti

Come ti cambio l’informazione

Sparatorie live su Facebook, messaggi su Whatsapp, la tecnologia ha cambiato molte cose e, per quanto spesso ce ne lamentiamo, sotto diversi aspetti si può rivelare utile. Ma come tutte le cose, finisce facilmente nelle mani sbagliate, l’effetto distorto è dietro l’angolo.

La casa abitata da altri_cover

Luca Alinari, la mostra “Labirinto Alinari” a Palazzo Pitti

Contemporaneo, astratto, enigmatico, divertente e divertito, bianco o nero, oltre o altrove, Luca Alinari può essere definito in molti modi ma non può essere incasellato in una sola parola o in un solo stile.

Liu Youju

Liu Youju, Demolition vs Construction a Firenze fino al 30 giugno

Per molti a Firenze non c’è mai niente da fare ma dipende da quello che si sta cercando. Che poi, anche seguendo quel criterio, Firenze riesce a coprire tutte le fasce, che siano di prezzo, d’età o di interesse.

The Who

Come mi sono sentita quando ho comprato i biglietti per The Who

Ho comprato il biglietto per il concerto degli Who ed è successa una cosa incredibile, ecco come mi sono sentita… Clicca, scorri, condividi se vuoi scoprirlo.

Niente da vedere, niente da nascondere (1977)

Il filo del pensiero di Alighiero Boetti, l’arte nella semplicità

Nel 1971 Alighiero Boetti comprò un biglietto di sola andata per la destinazione più lontana possibile. Partiva dopo aver incassato un assegno per la sua mostra, partiva alla ricerca dell’antenato Giovan Battista Boetti e da lì stava per dare inizio a una delle sue opere più celebri.

David Bowie

There’s a Starman waiting in the sky

Che senso ha oggi uscire di casa, in questa giornata grigia, con le cuffie all’orecchie che risuonano Ch-Ch-Changes se David non c’è più?

fidanzamento

Quando la vita reale è quella dei social network

Un giorno ho deciso di cancellare il mio account Facebook per 24 ore e ho scoperto un tentativo di impianto di sensi di colpa e di essere più sola di quanto pensassi, ma questa storia ve l’ho già raccontata.

Un ruttino, tipico stereotipo del maschio rozzo

Pannolini transgender

Gli estremismi sono sempre il male, tipo i vegani che ti costringono a essere vegano e abitano in case in cui sono solo tra di loro, gli islamici che ti vogliono islamico, i fiorentini e le femministe afflitte da amenorrea che ti vogliono fare odiare il mondo intero per qualunque cosa.

Scenario Stephen Peng

Stephen Peng in mostra a Firenze dal 4 giugno

Avete presenti le famosissime valigie a quattro colori della Benetton? Di tempo ne è passato, ma hanno segnato la svolta nel modo di concepire l’oggetto, portando colore al viaggio. È questo che fa Stephen Peng: porta colore dappertutto. 

Latest
  • Cent'anni di solitudine

    Pensavo fosse Gabriel Garcìa Màrquez e invece…

    Il mondo è un posto parecchio strano. Da quando esiste internet e soprattutto da quando esistono i social lo è ancora di più. Viviamo nel costante bisogno di accettazione da parte degli altri, a volte al punto tale da sopprimere ciò che ci piace, se non piace agli altri.

  • Nanni Moretti

    Come ti cambio l’informazione

    Sparatorie live su Facebook, messaggi su Whatsapp, la tecnologia ha cambiato molte cose e, per quanto spesso ce ne lamentiamo, sotto diversi aspetti si può rivelare utile. Ma come tutte le cose, finisce facilmente nelle mani sbagliate, l’effetto distorto è dietro l’angolo.

  • La casa abitata da altri_cover

    Luca Alinari, la mostra “Labirinto Alinari” a Palazzo Pitti

    Contemporaneo, astratto, enigmatico, divertente e divertito, bianco o nero, oltre o altrove, Luca Alinari può essere definito in molti modi ma non può essere incasellato in una sola parola o in un solo stile.

  • Liu Youju

    Liu Youju, Demolition vs Construction a Firenze fino al 30 giugno

    Per molti a Firenze non c’è mai niente da fare ma dipende da quello che si sta cercando. Che poi, anche seguendo quel criterio, Firenze riesce a coprire tutte le fasce, che siano di prezzo, d’età o di interesse.

  • The Who

    Come mi sono sentita quando ho comprato i biglietti per The Who

    Ho comprato il biglietto per il concerto degli Who ed è successa una cosa incredibile, ecco come mi sono sentita… Clicca, scorri, condividi se vuoi scoprirlo.

  • Niente da vedere, niente da nascondere (1977)

    Il filo del pensiero di Alighiero Boetti, l’arte nella semplicità

    Nel 1971 Alighiero Boetti comprò un biglietto di sola andata per la destinazione più lontana possibile. Partiva dopo aver incassato un assegno per la sua mostra, partiva alla ricerca dell’antenato Giovan Battista Boetti e da lì stava per dare inizio a una delle sue opere più celebri.

  • David Bowie

    There’s a Starman waiting in the sky

    Che senso ha oggi uscire di casa, in questa giornata grigia, con le cuffie all’orecchie che risuonano Ch-Ch-Changes se David non c’è più?

  • fidanzamento

    Quando la vita reale è quella dei social network

    Un giorno ho deciso di cancellare il mio account Facebook per 24 ore e ho scoperto un tentativo di impianto di sensi di colpa e di essere più sola di quanto pensassi, ma questa storia ve l’ho già raccontata.

  • Un ruttino, tipico stereotipo del maschio rozzo

    Pannolini transgender

    Gli estremismi sono sempre il male, tipo i vegani che ti costringono a essere vegano e abitano in case in cui sono solo tra di loro, gli islamici che ti vogliono islamico, i fiorentini e le femministe afflitte da amenorrea che ti vogliono fare odiare il mondo intero per qualunque cosa.